La Nostra Vittoria, per non dimenticare

 

 

"Il generale tigre di pietra"

 

Riunione Tai onlus Villa Contarini Ottobre 2012, Registrazione dove Michela Guadagnini e Oballa Natale chiedono il sostegno per la modifica legislativa riguardo agli anni di nascita dei soggetti danneggiati.

clicca qui per aprire il  pdf;percorsolegislativo  

 

 

La relazione del Dr. Panei dell'Istituto Superiore di Sanità, è stata fornita alle commissioni con le date del ritiro della talidomide sbagliate, il divieto di produzione e vendita alle case farmaceutiche era di settembre 1962, i farmaci non furono  stati sequestrati come prevedevano le leggi dell'epoca, ma furono finite le scorte delle farmacie e dei magazzini,  sulle confezioni non vi era obbligo di mettere, come oggi, la data di scadenza.

clicca qui;

MEMORIA_PANEI_ISS

A Nadia Malavasi.

Da non dimenticare chi ha iniziato la battaglia nel 2005, forse anche prima, ma che ha creato la prima associazione italiana talidomidici, e grazie al loro impegno ce stato ul riconoscimento italiano del danno, legge 24 dicembre 2007, n. 244, integrata dal decreto-legge 30 dicembre 2008, n. 207, convertito, con modificazioni, nella legge 27 febbraio 2009, n.14, prevede l'erogazione, da parte dello Stato, dell'indennizzo di cui all'art.1 della legge 29 ottobre 2005, n. 229, a favore dei soggetti affetti da sindrome da talidomide nelle forme dell'amelia, dell'emimelia, della focomelia e micromelia, nati dal 1959 al 1965.

apri pdf;  Malavasi

Nel 2008 quando ormai la legge era stata approvata ci siamo resi conto che escludeva molti danneggiati prima e dopo i paletti temporali imposti dal governo, il nostro lavoro costante e  le valide motivazioni presentate, che evidenziavano le lacune legislative,  con il sostegno delle  forse politiche della XVII legislatura, viene alla luce:

Il decreto legge 24 giugno 2016, n. 113, articolo 21-ter, come convertito dalla legge 7 agosto 2016, n. 160, riconosce, al comma 1, l’indennizzo anche ai nati negli anni 1958 e 1966.
Tale decreto inoltre prevede il riconoscimento dell’indennizzo "anche ai soggetti che ancorché nati al di fuori del periodo ivi previsto, presentano malformazioni compatibili con la sindrome da talidomide", all’esito dell’attuazione dei commi 3 e 4 del medesimo articolo, che prevedono la necessità di modificare il regolamento di cui al decreto del Ministero del lavoro, della  salute e delle politiche sociali del 2 ottobre 2009, n.163.

Il decreto ministeriale 17 ottobre 2017, n.166 definisce i criteri di inclusione ed esclusione delle malformazioni, ai fini dell’accertamento del diritto all’indennizzo, per i soggetti nati al di fuori del periodo previsto dalla Legge 244/07 e successive modifiche e integrazioni, che presentano malformazioni compatibili con la sindrome da talidomide. I criteri sono stati definiti tenendo conto degli studi medico scientifici maggiormente accreditati nel campo delle malformazioni specifiche da talidomide.

Close
Close

Please enter your username or email address. You will receive a link to create a new password via email.

Close

Close